L’Arte Contemporanea nella Moda.

Moda e arte, un rapporto in continua evoluzione. La moda è un sentire, ognuno con essa si avvicina quanto più possibile alla propria identità, sicché non può essere omologazione, ma creatività, ricerca instancabile di novità, come l’arte. Il primo o il secondo sabato del mese di ottobre i musei associati ad AMACI, Associazione Musei d’Arte Contemporanea Italiani, organizzano una giornata dedicata al sentire artistico contemporaneo. Sabato 15 ottobre 2016, per iniziativa della dirigente scolastica dell’ISIS, Istituto Statale di Istruzione Superiore, “D’Este-Caracciolo”, dott.ssa Giovanna Scala, sono state aperte al pubblico le porte del Museo sito nella sede centrale dell’Istituto, in via Giacomo Savarese, 60. Il Museo, inaugurato nel 2015, accoglie una Mostra permanente di modelli prodotti nel tempo dagli studenti. Per la XII Giornata del Contemporaneo, nelle sale del Museo è stata allestita una galleria fotografica di fashion design che mostra le ultime creazioni prodotte dagli allievi dell’Istituto. L’evento è stato realizzato in collaborazione con lo Studio Rotella, foto di Luigi Locorotondo, trucco e parrucco realizzato per le indossatrici dallo Studio REI. Stiamo parlando di contemporaneo proiettato nel futuro sicché il book fotografico ha come location il Centro Direzionale. L’Istituto Isabella D’Este racchiude, tra l’altro, come offerta formativa il sistema moda e professionale e anche, la produzione tessile e sartoriale, corsi mirati a formare i nuovi stilisti partenopei, facendo emergere, attraverso la creatività di ciascuno, i futuri talenti del Made in Italy. Per arrivare a questo obiettivo la dott.ssa Giovanna Scala ha valorizzato un sistema di studio rinnovato sia nei contenuti che nei metodi. Per quanto riguarda i contenuti si è voluto superare la frammentazione dei saperi creando gruppi di studio basati sull’interazione. Un gruppo formato da studenti e docenti parte da un’idea, sviluppa una progettazione che viene trasformata in realizzazione, tutto risulta funzionale alla formazione di un operatore vendibile nel mercato del lavoro. Obiettivo forte e chiaro della Dirigente, dott.ssa Giovanna Scala, è programmare una scuola che riesca ad educare e contemporaneamente formare per il lavoro, attraverso il cambiamento e l’innovazione, per stare al passo con la richiesta del mercato. Mi sembra, la sua, una vera mente-contemporanea.